mercoledì 13 febbraio 2013

I Fatti e fritti sardi






a carnevale questi sono la nostra goduria....................................................................


Ingredienti:
1 kg. di farina ( 500 gr. di farina 00  e 500 gr di farina 0)
100 g. di burro o strutto
100 g di zucchero
4 uova
½ litro di latte ( che andrà diviso tra il lievito, lo zucchero e l’impasto)
2 arance non trattate (succo filtrato e scorza grattugiata )
un pizzico di sale
80 gr. di lievito di birra
un bicchierino di liquore Fil’e Ferru o Anice      
  2 bustine di vanillina
zucchero semolato per zuccherarli  a fine cottura
Procedimento:
Come prima cosa preparare il lievitino:  Scaldare leggermente un po’ di latte, aggiungere il lievito sbriciolato e 2 cucchiai di farina ed un cucchiaino di zucchero di canna, mescolare con un cucchiaio poi coprire con la pellicola e tenerlo a lievitare in luogo caldo per tutto il tempo della lavorazione in quanto va inserito quasi alla fine.
Grattugiare la scorza delle arance, spremere il succo colarlo e tenere tutto da una parte. Far sciogliere il burro. Sciogliere lo zucchero con un po’ di latte.

Versare la farina nella planetaria, unire le uova, la scorza delle arance grattugiate, lo zucchero sciolto nel latte, il burro, il sale e iniziare a far girare le fruste. Lasciare andare per alcuni minuti e poi cambiare la frusta con il gancio perché la planetaria sforza troppo. Lasciar andare la planetaria e aggiungere il latte in modo che l’impasto sia ben lavorato e il latte incorporato lentamente.  Questa lavorazione dura circa 30 minuti.   quando il latte sarà finito e sarà stato amalgamato aggiungere su Fil’e ferru e per ultimo aggiungere il lievitino che a questo punto  sarà pronto.

   Mettere dell’acqua a bollire in una pentola, una volta pronta prendere  “sa scivedda” e rovesciarci l’acqua calda dentro in modo da scaldarla bene.
Lavoriamo ancora un po’ . Versiamo ora l’impasto nella scivedda  ( ormai vuotata dall’acqua e accuratamente asciugata). Spolveriamo leggermente di farina, copriamo e teniamo al caldo ( coprire con copertine o plaid di lana e assicuriamoci che la temperatura della stanza sia alta : è importante per la buona riuscita della lievitazione). Deve lievitare per almeno un’ora.
Nel frattempo infariniamo abbondantemente il tavolo o nel caso si debbano friggere in un’altra stanza su un piano che si possa trasportare sul quale andremo ad appoggiare i fatti e fritti. Prepariamo anche un piatto con della farina.
Trascorsa l’ora quando ormai la pasta sarà raddoppiata riprendere l’impasto e sgonfiarlo leggermente poi mettere sa scivedda sul tavolo e con le mani leggermente infarinate  prendiamo dei pezzetti di pasta ai quali daremo la forma di  una pallina della misura su per giù di un uovo . 
Formare la pallina poggiarla sul piano infarinato e   capovolgerla, la schiacciamo delicatamente mantenendo una forma tonda la buchiamo al centro dando forma di ciambella. Sempre ben infarinati li disponiamoli sul piano infarinato distanziati gli uni dagli altri e lasciamo lievitare per un’oretta. La temperatura della stanza dovrà essere sempre alta .Io li ho messi a lievitare vicino al caminetto ben caldo.  Trascorso il tempo della lievitazione  prepariamo la padella con bordi alti con dell’olio abbondante all’interno del quale metterci un pezzo di buccia d’arancia che servirà per aromatizzare l’olio e che verrà tolta quando sarà dorato e quindi l’olio sarà pronto,poi preparare un contenitore  con la  carta assorbente, un piatto con lo zucchero ed una boll capiente dove appoggiare i fatti e fritti una volte passati sulla carta assorbente e zuccherati.
 
Una volta che l’olio sarà ben caldo, abbassiamo leggermente la fiamma e friggiamoli avendo cura di friggerli prima da una parte e poi dall’altra e poi buon appetito caldi vi assicuro che sono favolosi e poi buon carnevale a tutti…..